In & Out

Juve Roma 2-0 - In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 3 mesi fa
315
4:00
131212
Costruire una casa, ma farla senza tetto. Così la Roma, costruisce bene il gioco, tiene la palla, ma non arriva mai a concludere in maniera efficace, lasciando ottenere all’avversario di turno il massimo risultato con il minimo sforzo. È questa la sintesi del match di ieri sera: i giallorossi dominano il campo ma la Juventus con le ripartenze veloci e poche conclusioni, ottengono comunque un 2-0 ed il sorpasso in classifica proprio a danno dell’undici di Fonseca.
Pochi riferimenti in attacco e un giro palla che spesso si rivela sterile e fine a sé stesso, con il reparto offensivo preda del navigato Giorgio Chiellini. Delude la prestazione di Borja Mayoral, totalmente annullato dalla difesa juventina, al suo posto il rientro di Dzeko non cambia le carte in tavola. Mancini tiene sull’attenti i suoi compagni e lotta fino all’ultimo.


IN

Gianluca Mancini

Vederlo ammonito già nel primo tempo mi mette un po’ di ansia addosso, ad essere sinceri. “Mancio” però non sbaglia più nulla, bloccando più e più volte gli avversari con interventi sicuri. Onnipresente in tutte le zone, si rende partecipe di recuperi anche in fase offensiva e trascina con sé il reparto difensivo, che sarebbe gravemente insufficiente altrimenti. La fascia di capitano finisce sul braccio dell’uomo giusto all’uscita di Cristante, leader.


OUT

Kumbulla – Ibanez

Pagano entrambi ancora la giovane età ed alcune disattenzioni legate ad essa. L’albanese si rende protagonista della deviazione che spedisce un pallone di Ronaldo sulla traversa anziché in porta, ma questo è l’unico episodio favorevole in una partita fatta di errori più o meno gravi, sia in fase di copertura sia di costruzione. Roger sembra partire bene e contenere le scelte offensive di Pirlo, ma sfortuna vuole che la sua deviazione finisca nella porta di Pau Lopez, il suo errore stronca le speranze giallorosse e sancisce il risultato. Entrambi hanno ancora molta strada da fare.

Borja Mayoral
Chiellini e Bonucci gli si attaccano come due leoni sulla preda e lui non riesce ad uscire dai loro radar. Aveva dimostrato di saper sfruttare gli inserimenti, ma viene totalmente annullato. Nessun tiro in porta per quello che dovrebbe essere il pericolo numero 1, dicono molto della partita vista a Torino. Manca all’appuntamento più importante nella notte che poteva innalzare di molto il suo status.


Giovanni Acone






Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata