Pagelle

Istanbul Basaksehir Roma 0-3 Le pagelle (con video)

a cura di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 5 mesi fa
413
0:00
1399
PAU LOPEZ sv: L’unico tiro verso lo specchio che riceve è un passaggio centrale di Robinho a 10 minuti dalla fine. Per il resto, salvo un iniziale pressing turco, non è praticamente mai impegnato, per questo mi risulta difficile dargli una qualsivoglia valutazione.

SANTON 6: Il suo stile di dribbling è una delle cose più anti-estetiche mai viste su un terreno di gioco, ma nonostante ciò riesce comunque a risultare efficace. Spinge con grinta e costanza senza subire particolarmente le timide offensive degli esterni padroni di casa.

SMALLING 6.5: Presidia come al solito la difesa giallorossa con sicurezza e caparbietà, anticipando di testa ogni diretto avversario e chiudendo le piccole falle create nel primo tempo da un distratto Mancini. Nel finale dopo l’uscita di Dzeko chiude con la fascia al braccio, una bella iniezione di fiducia per uno dei capisaldi della Roma di mister Fonseca.

MANCINI 6: Una partita al diesel per il nostro centrale giallorosso, che inizia con tanta difficoltà nella gestione palla e finisce con grande sicurezza e interventi molto positivi. Per questo, unendo le prestazioni dei due tempi, il voto più consono è senza dubbio la sufficienza.

KOLAROV 6.5: Rispetto alla gara con il Brescia preferisce restare più sulle retrovie, senza spingere particolarmente sull’acceleratore. Ha però il merito di fare il lancio in avanti che darà il via all’azione del 2-0 giallorosso, che di fatto chiude i conti dopo 35 minuti di gara.



DIAWARA 6.5: Gioca la sua seconda partita consecutiva da titolare e dimostra di voler far suo il ruolo di regista. Tanti lanci precisi ai compagni, buona gestione palla e una collaborazione con Veretout che migliora partita dopo partita. Ancora è presto per dirlo, ma sicuramente sta dimostrando di essere qualcosa di più di un mero oggetto di scambio.

VERETOUT 7: Segna con abilità il rigore che sblocca la gara diventando a tutti gli effetti una validissima alternativa a Kolarov sui calci da fermo. Per il resto divora con facilità tutto il centrocampo avversario, girando in tante zone del campo con una freschezza fisica invidiabile. Grande Jordan!!

KLUIVERT 6.5: Nonostante alcuni spunti offensivi interessanti continua a sbagliare cose che un giocatore come lui non dovrebbe, come tiri da posizioni interessanti e passaggi semplici per i compagni. Se non altro ha il merito di sfruttare l’assist strepitoso di Pellegrini per volare davanti al portiere e segnare il quarto gol stagionale e il secondo ai turchi padroni di casa.

PELLEGRINI 8: I due assist per il secondo e terzo gol giallorosso sono d’applausi a scena aperta, per precisione e velocità di esecuzione. Per il resto gestisce palla con tranquillità senza mai subire il timido pressing degli ospiti. Si ferisce alla testa con un oggetto lanciato dagli spalti che dimostra l’inciviltà dei turchi e la sua grande professionalità nel gestire l’accaduto. Ci sei mancato Lollo!

ZANIOLO 6: Come accade ormai da un paio di gare decide di accendersi solo ad intermittenza, con qualche spunto in velocità che mette in non poca apprensione i mediocri difensori di casa. La squalifica con il Verona può servire a fargli ricaricare energie fisiche e mentali, per presentarsi in casa dell’Inter nella migliore condizione possibile. Forza Nicolò!

DZEKO 7: Dopo un lungo periodo a secco di gol segna la sua seconda rete consecutiva con un bel tocco sotto davanti al portiere, grazie anche ad uno splendido assist di Pellegrini con il quale sembra aver ritrovato una grandissima sintonia. Con questo gol inoltre supera Amedeo Amedei e arriva a soli 6 gol da un fuoriclasse come Montella, un risultato decisamente non da poco.

SPINAZZOLA 6 (Dal 53’ per Kolarov): Entra per far rifiatare Kolarov in vista del Verona e se da una parte dimostra di voler spingere in avanti con personalità, dall’altra sbaglia tantissimi passaggi semplici, meritando perciò nel complesso una sufficienza molto stirata.

C.UNDER 5.5 (Dal 71’ per Pellegrini): Entra tra gli applausi dei suoi ex tifosi e forse per questo motivo non riesce a dare particolare brio alla manovra, dimostrando una pesantezza fisica e mentale da cancellare al più presto per tornare a essere un punto saldo dell’attacco giallorosso.

MKHITARYAN 6 (Dal 72’ per Dzeko): Dopo due mesi esatti dall’infortunio patito contro il Lecce anche l’armeno torna ad assaporare il terreno di gioco, senza osare particolarmente la giocata ma gestendo palla con tranquillità insieme ai compagni di reparto. Bentornato!

FONSECA 7: Ipoteca il passaggio ai sedicesimi con una vittoria convincente e senza storie, dimostrando fin da subito di voler credere assolutamente in questa competizione. A parte Santon la squadra ha giocato con tutti i titolari, e la differenza tecnica con i mediocri padroni di casa è apparsa fin da subito evidente. Ottima mentalità mister!

SQUADRA 7:
Un voto molto positivo per una vittoria conquistata in soli 15 minuti di grande propensione offensiva. Per il resto, salvo qualche lieve pericolo nella prima mezz’ora, si è pensato prevalentemente a gestire le energie, in vista della sfida di Verona che in questo momento è quanto mai insidiosa. Forza ragazzi!


Emanuele Grilli




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata