Triplice fischio
APPROFONDIMENTI

Inter VS Roma - Una questione di stile (con VIDEO)

Neanche con il VAR si riesce non falsare una partita contro l'Inter.
Redazione de Il Legionario
inserita 15 giorni fa
282
7:00
522
Sono ormai anni che la Roma quando scende in campo contro l’Inter deve mettere in conto una serie di “erroracci” che la penalizzano. Se Luciano Spalletti ha dimenticato, noi romanisti no. Non si può dimenticare quando questi “erroracci” non solo ti portano a perdere punti, ma addirittura scudetti, come capitò nella stagione 2007/08 quando proprio il tecnico di Certaldo sedeva sulla panchina giallorossa e nella stagione 2009/10 quando toccò a Claudio Ranieri doversi arrendere alle interpretazioni arbitrali dopo una rimonta clamorosa sull’Inter di Mourinho.
Anche l’anno scorso, quando il VAR era appena entrato in scena, proprio in Roma Inter, alla seconda giornata, Irrati e i suoi collaboratori non concessero un rigore netto di Skriniar su Perotti, il VAR anche in quel caso rimase inutilizzato.

E’ una VERGOGNA! Come ha affermato a gran voce Totti nel dopopartita, e come lui noi ci chiediamo a cosa serva il VAR se poi le partite continuano ad essere falsate. Chiediamo che gli arbitri, rei di questi errori clamorosi, vengano a spiegarci come mai un episodio del genere resti nell’etere.

La partita di ieri sera ha visto la Roma motrare grinta e cuore, il sangue negli occhi che Di Francesco aveva chiesto. I giallorossi meritavano di vincere e se quando colpisci un palo non puoi farci nulla, quando invece non ti viene concesso un rigore netto che può indirizzare la partita in un certo modo, allora ci si incazza. Perchè il VAR è nato per aiutare gli arbitri a non commettere errori gravi e se resta la discrezionalità sugli episodi, sul quale sono liberi di opporre la loro interpretazioni, non si può però evitare di andare a rivedere un’azione del genere, dove poi non ci sarebbe stato granchè da interpretare. Se poi dopo un minuto da questa mancanza, ti ritrovi pure sotto dopo un’azione viziata da un altro fallo evidente non fischiato, allora bisogna indignarsi, e pure tanto. Anche se la Roma è riuscita a rimontare per due volte e a portare a casa un pareggio, noi giallorossi non possiamo essere contenti perchè la Roma meritava la vittoria; quantomeno meritava di avere l’opportunità di portarsi lei per prima in vantaggio, con un calcio di rigore sacrosanto che, nonostante il VAR, nessuno ha visto.

Ma questa partita qualcosa di buono ha portato, ha mostrato che la Roma quando vuole riesce ad essere intensa per 95 minuti, che il cuore e la voglia non le sono sconosciuti e che nonostante le avversità si può reagire con dignità. La strada da seguire è tracciata, ora c’è bisogno di continuità e di un paio di occhiali e un bel caffè a chi siede davanti agli schermi del VAR.








Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata