In & Out
STADIO

In&Out Roma-Astra Giurgiu: vietato esaltarsi!

Con questa netta vittoria la Roma raggiunge la vetta del girone a pari merito con l’Austria Vienna, che affronteremo il 20 ottobre allo Stadio Olimpico. (di Alessandro Tagliaboschi)
Redazione de Il Legionario
inserita 8 mesi fa
807
7:00
212020

Nella seconda giornata di Europa League, la Roma porta a casa i 3 punti, sconfiggendo per 4-0 il modesto avversario rumeno con le reti di Strootman, Fazio, Salah ed un autorete. Squadra giallorossa completamente padrona del campo per 90 minuti, ma è difficile esprimere giudizi e valutazioni reali contro un avversario così inferiore. Con questa netta vittoria la Roma raggiunge la vetta del girone a pari merito con l’Austria Vienna, che affronteremo il 20 ottobre allo Stadio Olimpico. Andiamo quindi ad analizzare quali sono le note liete e dolenti della serata.



In:

Totti: il Capitano festeggia il compleanno nel migliore dei modi: assist per il gol di Strootman e di Salah, è la causa fondante della rete di Fazio con un bolide su punizione che solo una prodezza del portiere riesce a far finire sulla traversa. In mezzo a ciò, tocchi deliziosi e geometrie pazzesche, insomma il solito Francesco. Allora che facciamo, rinnoviamo?


Allison: il numero uno della nazionale brasiliana sfrutta alla grande la possibilità concessagli da mister Spalletti. Ottimo su Nicoara dopo appena quattro minuti e nonostante poi resti a guardare per l’intero match, è subito attento e concentrato nel finale su Alibec.


Paredes e Strootman: quando vengono schierati insieme i due centrocampisti offrono delle grandi prestazioni. Anche ieri i due dimostrano una grande intesa, il giro palla è fluido e mentre Leo garantisce un ottimo lavoro in regia, Kevin pensa a distruggere il centrocampo avversario recuperando un’infinità di palloni e facendo valere la sua prestanza fisica. L’olandese impreziosisce la sua prestazione con un gol su assist del capitano, l’argentino ci va vicino con una gran botta da fuori. Sarà per la prossima!



Out:

Iturbe: ogni partita in cui leggo il suo nome tra la formazione un pensiero mi vaga nella testa “dai che forse oggi ‘sto ragazzo si sblocca”, per poi venire puntualmente smentito. Come ogni prestazione, l’impegno è massimo ma la qualità è veramente scadente. Non riesce mai nel dribbling ed anche quando il Capitano lo mette a tu per tu con il portiere con un assist al bacio il paraguaiano sbaglia incredibilmente. L’estate scorsa per convincere il ds Sabatini a non vendere il ragazzo impazzava tra i tifosi giallorossi l’hashtag #SaveIturbe, oggi torna d’attualità ma per salvare il ragazzo dal vortice di incapacità calcistica in cui sta inevitabilmente cadendo.



Alessandro Tagliaboschi




Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata