L'argomento

Il pagellone di fine anno (con video)

di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 5 mesi fa
1628
15:00
211616
PORTIERI

SZCZESNY 7:
Inizia la stagione con un brutto errore nel ritorno dei preliminari di Champions, ma in Campionato rimane un titolare di assoluto affidamento. Salva più volte il risultato con parate decisive e si toglie la soddisfazione di parare due rigori a Niang e Palladino.

ALISSON 6: Gioca solamente in Europa League e nel complesso fornisce prestazioni senza infamia e senza lode. Prende diversi gol ma non ha praticamente nessuna colpa su di essi.

LOBONT s.v.: Non gioca mai e continua a prendere soldi, il modo migliore per farsi una bella vacanza a Roma senza problemi.






DIFENSORI

B. PERES 5:
Da un giocatore pagato 20 milioni e preso per fare il titolarissimo della fascia, mi aspettavo decisamente qualcosa di più. Inizia discretamente bene con prestazioni sufficienti e un bell'assist a Dzeko nella vittoria contro l'Inter, ma dall'infortunio successivo non riuscirà mai a rientrare in forma, sbagliando ogni cross e non riuscendo mai a difendere attentamente. Finora è un flop.

FLORENZI 6: Per via dei tanti infortuni stagionali è costretto ancora una volta a giocare come terzino, migliorando l'attenzione difensiva a discapito della spinta offensiva. Segna un solo gol in Europa League e dopo una ottima prestazione si rompe il crociato in casa del Sassuolo. Non che finora stesse facendo una stagione da dieci e lode, ma sicuramente avere un giocatore come lui è sempre un gran vantaggio.

MANOLAS 7.5: Di tutti i centrali giallorossi è sicuramente il più elegante negli interventi difensivi, anche se non sempre è stato impeccabile. Ciononostante rimane il migliore difensore giallorosso e uno dei migliori del campionato italiano, una sicurezza che a Roma serve come il pane.

FAZIO 7.5: Prende lo stesso voto di Manolas sia per le prestazioni mostrate in campo e sia per il prezzo minimo con la quale lo abbiamo acquistato. Arriva in sordina come quarto centrale ma fin da subito prende le redini della difesa e non le perde neanche col rientro dei compagni di reparto. Forte di testa, sicuro, attento, uno dei migliori di questa prima parte di stagione.

RUDIGER 6.5: Non posso dargli lo stesso voto di Manolas perché ha giocato un terzo delle partite del difensore greco, ma posso dire con certezza che finora Rudiger ha giocato un ottimo campionato. Fisico e roccioso quanto basta, non ha problemi nel fare il centrale e terzino nella stessa partita, un segnale di duttilità che visti i problemi di infortuni non fa veramente mai male.

VERMAELEN 5.5: Sarebbe da sv viste le poche partite giocate, ma se consideriamo l'erroraccio in Champions League e la disastrosa marcatura su Sau in Cagliari-Roma, si può dire che finora la sua esperienza giallorossa sia stata a dir poco disastrosa. Non posso dargli 5 perchè ha veramente giocato poco, ma speriamo che possa farsi valere nella seconda parte di stagione.

J. JESUS 5: Al suo arrivo tutti, ma proprio tutti, erano scettici fino al midollo. Arrivati a questo punto si può dire che avevano proprio ragione. Le uniche prestazioni sufficienti sono con Inter e Napoli, ma per il resto è un autentico trauma vederlo in campo. Miracolo vuole che nelle ultime settimane Palmieri sia migliorato e gli abbia quindi fregato il posto, per il bene di tutti.

EMERSON
6: Inizia la stagione che peggio non si può, con un fallo di mano all'andata di champions league e un rosso diretto al ritorno. Nelle prime partite vede il campo col binocolo, poi comincia a trovare spazio e da Roma-Palermo in poi acquisisce una sicurezza positiva e inaspettata. Sicuramente se continuerà su questa strada il voto finale sarà di gran lunga più alto.

MARIO RUI s.v.: Purtroppo si rompe prima di iniziare realmente la sua esperienza in giallorosso, ma a gennaio sarà pronto per tornare in campo. Forza Marietto, ti stiamo aspettando!

SECK s.v.: Gioca solo l'ultima di Europa League e dimostra una discreta sicurezza, ovviamente non si può dargli un voto solo per questo ma già è un piccolo passo in avanti.



CENTROCAMPISTI

DE ROSSI 6:
Guardando le prestazioni in campionato il 6 gli va anche abbastanza stretto, ma nella testa ho ancora il pensiero di quell'intervento folle che è costato alla Roma l'accesso ai gironi di Champions e il mancato arrivo di liquidità per il mercato. Per questo non posso dargli più della semplice sufficienza, nonostante alcune prestazioni degne di nota.

STROOTMAN 6: Torna ufficialmente titolare con la maglia giallorossa, togliendosi anche la sfizio di segnare un gol nel derby capitolino. Guardando però le prestazioni complessive sono poche quelle in cui il centrocampista olandese ha veramente brillato, e considerando le sue ottime caratteristiche tecniche mi aspetto sicuramente qualcosa in più.

NAINGGOLAN 7.5: Segna solo un gol in più di Strootman ma il suo contributo alla squadra è tremendamente più decisivo. Ufficialmente è diventato un trequartista di inserimento, ma non ha problemi nello svariare su tutto il centro del campo con interventi duri ma quasi sempre regolari. Le poche volte che non è in forma ne risente quasi tutta la squadra.

PAREDES 6.5: Dimostra di essere decisamente maturato dall'esperienza con l'Empoli, anche se risulta abbastanza fragile dal punto di vista fisico. Le prestazioni fornite in campo sono indubbiamente positive, nulla di particolarmente eccelso ma sicuramente è riuscito a dare una mano al reparto.

GERSON 5.5: Gioca prettamente in Europa League e solo pochi minuti in Campionato, nel complesso non mi ha particolarmente impressionato. O perlomeno ha dimostrato di non meritare ancora la cifra spesa per acquistarlo.
Probabilmente sei mesi in prestito gli farebbero bene, ovviamente solo se la Roma riuscisse a prendere un altro centrocampista in sostituzione.




ATTACCANTI

ITURBE 5:
E questo per lui è senza dubbio un bel regalo di Natale, visto che rimane lo stesso pessimo giocatore visto nelle scorse annate giallorosse. Rimane a 0 gol stagionali nonostante le tante partite in Europa League e questo fattore è ancor di più negativo se pensiamo alla mediocrità degli avversari affrontati. Preghiamo Dio che i lGenoa se lo prenda definitivamente.

TOTTI 6: Inizia la stagione come aveva finito la precedente, con tanti assist illuminanti e un gol importantissimo contro la Sampdoria. Di li in poi però comincerà a giocare sempre meno, come è normale che sia, recitando il più delle volte il ruolo di uomo spogliatoio che effettiva risorsa di gioco.

SALAH 7: Segna ben 8 gol complessivi e fornisce una marea di assist al nostro centravanti, che con lui in campo è ancora più decisivo. L'unico suo difetto è la solita discontinuità e l'imprecisione nell'ultimo passaggio, che spesso ha impedito delle marcature importanti. Speriamo di sostituirlo degnamente dopo la sua partenza in coppa d'Africa.

PEROTTI 7: Non è lo stesso giocatore decisivo della scorsa stagione, ma dal dischetto è un cecchino veramente implacabile. Con i tanti rigori che ci hanno assegnato avere un giocatore abile nel segnarli è senza dubbio importante, anche se ovviamente il suo contributo non è solo questo. E' senza dubbio il titolare e la sua duttilità offensiva può sicuramente servire.

EL SHAARAWY 6.5: Con Dzeko, Salah e Perotti davanti è senza dubbio difficile trovare spazio, ma il Faraone non si arrende e riesce comunque a segnare gol importanti, come nell'ultima partita con il Chievo o in Europa League contro l'Austria Vienna. Mai una lamentela, sempre corretto e sportivo, la riserva che tutti vorrebbero avere.

DZEKO 8.5: Senza dubbio il giocatore più forte e determinante di questa prima parte di stagione. Segna gol a grappoli e ogni sua prestazione è sempre importante per il gioco della squadra, dato che non si limita a farsi trovare in zona gol ma anche a svariare su tutto il fronte offensivo. La regola del secondo anno migliore del primo continua anche con la nostra maglia, forza Edin!!



ALLENATORE

SPALLETTI 7:
Merita senza dubbio un ottimo voto perchè grazie a lui abbiamo finalmente rivisto un bel gioco e ci siamo tolti belle soddisfazioni contro avversari di indubbio livello. L'unico difetto è che purtroppo la sua Roma non è perfetta, e spesso ha perso punti contro avversari meno forti e molto più in basso in classifica. Senza contare che l'eliminazione in champions league deriva anche da una sua scelta di schierare De Rossi centrale invece che Fazio, che purtroppo si è rivelata disastrosa. Comunque stiamo andando sicuramente bene, manca solo quel pelo per dire benissimo.


VOTO DI SQUADRA 7


Emanuele Grilli


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata