News
NEWS

Fazio: “La parola d’ordine è competere su tutti i fronti”

Conferenza Stampa di presentazione del centrale giallorosso
Rassegna Stampa
inserita un anno fa
908
10:00
262121

(asroma.it) Per Federico Fazio la Roma di Spalletti ha l’obbligo di competere per vincere su tutti i fronti, dal campionato alle coppe. 

Il difensore argentino, nella sua conferenza stampa di presentazione a Trigoria, ha sottolineato come ovviamente al momento l’attenzione è sulla gara con il Porto, decisiva per l’accesso al girone di Champions League, ma che i giallorossi devono giocare ogni partita per vincere e vedere poi dove arriva.

“La Roma secondo me deve lottare e competere su tutti i fronti, dal campionato alle coppe” ha affermato Fazio. “Ovviamente l’appuntamento con il preliminare di Champions League è quello che conta in questo momento. Da lì poi ragioneremo partita per partita: la parola d’ordine deve essere competere, competere, competere”.

Cosa serve alla Roma per battere il Porto?

“E’ una doppia sfida molto difficile e delicata: per noi sarà importante iniziare bene la stagione ed essere competitivi affrontando una partita già decisiva. E' bellissimo giocare in Europa, specie in Champions League. Dobbiamo cercare di centrare questo obiettivo. Il gruppo lo sa e ne è consapevole. Nella gara di andata sarà importante soprattutto non prendere gol”.

In pochi giorni a Trigoria hai subito giocato con la Primavera e poi a Latina: come giudichi il tuo impatto con club?

“I primi giorni mi sono allenato con la Primavera per mantenere il ritmo partita, visto che la squadra era impegnata tournée negli Stati Uniti. Al rientro della squadra in Italia, ho conosciuto i miei nuovi compagni e mi sono allenato con loro. Con il Latina ho poi giocato i miei primi 90' dopo tre mesi e mi sono trovato bene, sia a livello fisico che nell'intesa con i miei compagni”.

Avresti mai immaginato di poter giocare in Serie A e che immagine avevi prima della Roma? 

“Ho avuto l’occasione di giocare in Liga e in Premier League, ma il mio obiettivo era quello di giocare un giorno in Italia e ci sono riuscito. Sono venuto in una squadra importante come la Roma, che per me è la più importante a mio avviso. E’ un grandissimo orgoglio giocare per una tifoseria così appassionata e quindi io non vedo l’ora di giocare davanti al nostro pubblico”. 

Che preparazione fisica che hai trovato qui in Italia? Preoccupato per il tuo ambientamento? 

“Tutti i campionati hanno le proprie caratteristiche, in Italia quindi ci sono delle differenze con Spagna e Inghilterra. Io dico che la Serie A può adattarsi al meglio alle mie caratteristiche, quindi non sono preoccupato per il mio ambientamento qui. Il mio punto di forza è quello di lottare sempre, essere una persona competitiva, che vuole vincere, con una mentalità vincente e per questo sono arrivato qui. Speriamo di vincere dei titoli già da quest’anno”.

Spalletti ti ha già dato qualche indicazione sulla difesa a 3 o a 4?

“In questi primi giorni il mister ha trasmesso a me e ai miei compagni la sua personalità e il suo carisma, ma non siamo ancora entrati nei dettagli tattici. Dal mio punto di vista comunque io non ho problemi a giocare in una difesa a 4 o a 3, posso giocare a destra o a sinistra: sono a disposizione del mister. Per ora non abbiamo parlato, avremo il modo di entrare nel dettaglio nei prossimi giorni”.

Hai avuto problemi fisici nelle scorse stagioni?

“Solo negli ultimi 6 mesi al Tottenham non ho avuto continuità. A Siviglia sono stato sempre bene fisicamente. A me piace lavorare duro e allenarmi con continuità: dal punto di vista fisico non ho quindi particolari preoccupazioni”.

A che difensore ti ispiri?

“Uno dei giocatori che mi piaceva di più era Walter Samuel, che seguivo da tifoso del Boca e che ho seguito anche qui alla Roma. Un altro giocatore che per me è stato un riferimento è stato Gabriel Milito.”

Hai avuto modo di parlare con Franco Baldini: che ruolo ha avuto nella trattativa?

“Non ho avuto modo di parlare con lui, avevo parlato con lui quando mi trasferii al Tottenham. Questa trattativa ha riguardo solo i club, nulla di più”.

Hai parlato con Perotti, già tuo compagno di squadra a Siviglia, prima del tuo trasferimento?

“Sì, Diego è un mio caro amico. Ero già venuto a trovarlo a marzo: era appena arrivato ma già mi parlava in termini entusiastici della squadra e della passione della tifoseria. Mi aveva quindi subito detto che era un grandissimo club la Roma. Avendolo fatto già in passato per 7 anni, ora poter condividere di nuovo con lui momenti di calcio su un terreno di gioco è davvero molto bello: è un orgoglio e un grandissimo onore”.

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata