Pagelle

Coppa Italia Lazio VS Roma - Le pagelle

La Lazio ha mostrato in questa partita dei limiti giallorossi che devono essere assolutamente corretti, come la difficoltà enorme nel creare gioco una volta bloccati i giocatori cardine della squadra. (di Emanuele Grilli)
Redazione de Il Legionario
inserita 7 mesi fa
736
10:00
181313
ALISSON 6: Salva quello che può su ogni conclusione avversaria, ma è costretto a capitolare sui tiri ravvicinati di Milinkovic e Immobile. Di tutto il reparto arretrato rimane senza dubbio il meno colpevole.

MANOLAS 5: Prova con la solita velocità a fermare ogni avanzata biancoceleste ma si vede che fisicamente ha un netto bisogno di rifiatare. Keita nel secondo tempo lo fa ballare e lo anticipa per l’assist del 2-0, un gol che francamente era molto meglio evitare.





FAZIO 4.5: Appare in difficoltà clamorosa come non era mai stato finora con la maglia giallorossa. Molto attento e deconcentrato, non riesce nei soliti anticipi di testa e va in confusione insieme a tutto il reparto difensivo.

RUDIGER 4.5: Anche lui non riesce a fornire il solito contributo difensivo alla quale ci aveva abituato, ed anzi si perde Immobile sul gol del definitivo 2-0. Di testa poi non riesce mai ad essere veramente pericoloso.

B. PERES 4.5: Inizia con una discreta caparbietà ma col passare dei minuti perde lucidità e non riesce più a creare nulla di interessante. Considerando che l’avversario di reparto era un Lukaku fin qui anonimo, poteva fare sicuramente di più.

PAREDES 4.5: Semplicemente imbarazzante sotto tutti i punti di vista. Sbaglia tantissimi passaggi in fase di impostazione, non riesce a creare nessun spunto interessante e non contento si perde Milinkovic Savic sul gol dell’1-0.

STROOTMAN 5: Nei primi 15 minuti prova numerosi lanci per i compagni, e sembra che prima o poi possa dare il via alla scintilla vincente per il gol giallorosso. A lungo andare però comincia a faticare terribilmente nella gestione palla, ben marcato da ogni avversario biancoceleste.

EMERSON 5.5: Senza dubbio uno dei più propositivi di tutta la squadra. Non crea nulla di particolarmente clamoroso, ma spinge con grinta e prova anche la conclusione da fuori in più occasioni. Meglio di niente.

NAINGGOLAN 5: Inzaghi gli costruisce attorno una marcatura di minimo 4 giocatori, e lui non riesce ad uscirne fuori neanche per provare qualche bordata di milanese memoria. Un vero peccato.

SALAH 5: Inizia correndo a mille all’ora e nel primo quarto d’ora è sicuramente tra i più pericolosi. Col passare dei minuti però la Lazio gli prende le misure e riesce a contrastare bene ogni sua avanzata offensiva.

DZEKO 4.5: Anche lui come Nainggolan viene chiuso costantemente da un muro di giocatori biancocelesti, ma a suo sfavore bisogna aggiungere che non è riuscito a sfruttare neanche una delle poche occasioni avute a disposizione. La differenza con Higuain sta proprio in questi fattori.


SOSTITUZIONI

PEROTTI 5.5:
Prova a smuovere un attacco spento e affaticato, ma ci riesce solo a sprazzi. Non crea nulla di veramente pericoloso, ma perlomeno ci ha provato.

EL SHAARAWY 5:
Un vero e proprio fantasma in campo, entra per dare imprevedibilità e corsa ma viene sempre fermato da ogni avversario.

TOTTI sv: Inspiegabile il suo ingresso a pochi minuti dalla fine, difficile chiedergli di più.

SPALLETTI 4.5: Per spiegare questo voto basti pensare a come ha risolto la vittoria il mister biancoceleste Inzaghi. Dentro nel secondo tempo un esterno imprevedibile come Keita, e gol del 2-0 confezionato proprio da lui. Personalmente avrei inserito Salah dopo e Perotti prima, senza contare l’ingresso di Totti veramente inutile e senza alcun risultato. E’ umano anche lui, ma queste sono partite da non sbagliare.

VOTO DI SQUADRA 4.5: Un voto molto basso ma che purtroppo si sono ampiamente meritati. La Lazio ha mostrato in questa partita dei limiti giallorossi che devono essere assolutamente corretti, come la difficoltà enorme nel creare gioco una volta bloccati i giocatori cardine della squadra. Con questo risultato si rischia di buttare al vento un altro obiettivo stagionale, al ritorno servirà un vero e proprio miracolo sportivo per riuscire ad ottenere la finale. Speriamo bene.

Emanuele Grilli


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata