In & Out

Basaksehir Roma 0-3 In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
313
0:00
644
Una bella Roma passeggia sul campo di Istanbul, chiudendo la partita con tre gol nella prima frazione e facendo un gran passo avanti per quanto riguarda la qualificazione alla fase ad eliminazione diretta dell’Europa League. Favorevole l’ultima giornata per i giallorossi che affronteranno il Wolfsberger (già fuori), con due risultati utili su tre a disposizione, solo una clamorosa sconfitta in casa con gli austriaci e un successo dei turchi in Germania potrebbe eliminare i giallorossi.
Prestazione fantastica di Pellegrini e delle retrovie capitoline, capaci di relegare la squadra di casa ad un solo tiro in porta e a soffrire per tutto il match.


IN

Lorenzo Pellegrini

Lorenzo mette in mostra una grande grinta, tanta era la voglia di tornare a calcare il campo con la Lupa sul petto. Dopo la buona prestazione in campionato, in Europa si scatena e serve due assist, uno più bello dell’altro, lanciando prima Kluivert e poi Dzeko. È ispirato ed ispira, lascia tutto sul campo e da vero uomo, da vero giocatore, non risponde neppure alla forte provocazione dei tifosi di casa che lo colpiscono con una monetina in testa, “non ti curar di loro, ma guarda e passa”, così scrisse Dante, così ha fatto Lorenzo. Resta in campo con una vistosa fasciatura ed esce solamente per permettere a Under di ricevere un lungo applauso dai suoi ex tifosi.
Lollo è tornato.

Justin Kluivert
Il talento olandese ingrana la quinta, e se possibile a volte anche la sesta marcia. Lascia i difensori turchi a protestare con l’autovelox in occasione del gol del 2-0. Si prende una piccola rivincita con sé stesso e dimostra di non averne mai abbastanza. Nel secondo tempo cerca ancora il gol, non si accontenta, ora che Under è tornato a disposizione sarà bello vedere chi la spunterà tra i due per una maglia da titolare.
Need for Speed Amsterdam Edition!

La legione in trasferta
All’epoca delle termopili, al servizio di Leonida erano in 300, ad Istanbul nel 2019 erano in 600 i romanisti che hanno sostenuto i loro combattenti sul campo. La rappresentanza giallorossa si fa sentire per tutti i 90 minuti, surclassando più di una volta i tifosi di casa. Il tifo si prolunga anche fin dopo il fischio finale e accompagna gli undici di Fonseca fin dentro gli spogliatoi. Tutto ciò non è altro che un’ulteriore segnale positivo di un amore ritrovato tra squadra e ambiente circostante.
Che poi a confrontare le immagini si potrebbe dire che siano stati i giallorossi a giocare in casa e non l’altra squadra che ha giocato in un Olimpico deserto.


OUT
“Se la Roma spende 25 milioni per Mancini, ci deve essere qualche problema”, ora ridiamo noi.


Giovanni Acone






Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata